Franco Fortunato Gilberto Augusto Bonvicini (Bonvi)

Modena, 1941 – Bologna, 1995

Artista fumettista

Franco Bonvicini dimostra il suo spirito artistico in racconti e disegni in cui esprime il suo spirito anarchico, la sua voglia di divertirsi e di capovolgere ogni forma di potere costituito. Tra i suoi amici più stretti c’è Francesco Guccini, con cui condivide i primi progetti di fumetti e il servizio militare. A Modena, poi, assorbe il clima del Bar Grand’Italia, tra la musica beat e le discussioni intellettualistiche. È una città aperta alle sperimentazioni artistiche contemporanee, sdoganate nel 1967 a Fiumalbo con l’evento “Parole sui muri”, la prima manifestazione italiana di neoavanguardia diffusa.

Dopo le collaborazioni per famose pubblicità, giornali locali e i caroselli del regista Guido De Maria, nel 1968 esce Sturmtruppen, parodia della vita militare e del nazismo, vincendo il concorso indetto da “Paese sera”.

Insieme a Guido Silvestri, in arte Silver, fonda a Modena l’impresa produttrice di fumetti “Playcomics”, crea i personaggi Capitan Posapiano, Cattivik e Super-Pip. Nel 1970 pubblica sulla rivista “Psycho” Storie dello spazio profondo, scritte con Guccini, che raccontano le disavventure demenziali di un astronauta (con il volto di Bonvi) e del suo robottino (Guccini). Egli stesso diventa un “personaggio” nella vita reale: si esibisce vestito da soldato della Wehrmacht o da David Crockett, ma sempre con uno sguardo critico e feroce sulla guerra. In quegli anni, infine, i fumetti sbarcano alla TV: insieme a De Maria dà vita all’investigatore privato Nick Carter e, alla fine degli anni Settanta, a Marzolino Tarantola. Nel 1973 esce il fumetto fantascientifico Cronache del dopobomba, che presenta l’apocalisse di un mondo postatomico.

Attiva numerose collaborazioni all’estero e vive a Parigi per qualche anno.

Il dialogo e la contaminazione tra i linguaggi espressivi permane negli anni Ottanta e Novanta quando si dedica al giornalismo con le riviste “Bi-Pop-Alula” e “Comix”, fonda una radio con Red Ronnie e pubblica albi illustrati.

Muore improvvisamente nel 1995 dopo essere stato investito da un’auto.

Nel 2011 Modena gli dedica il Bonvi Parken, un’area verde all’interno del Parco Amendola con le sagome e le storie dei suoi personaggi. 

Risorse

Approfondimenti

Screenshot 2023 09 07 alle 19.05.52
Luoghi, Persone e Avvenimenti
Luogo
Bar Grande Italia
Avvenimento
Da ke parte per la vittorien?
Bio
Francesco Guccini