Roberto Rovatti

1914 – Modena, 1950

Partigiano, vittima dell’eccidio alle Fonderie riunite

Nato il 24 settembre 1914, partecipa alla Resistenza con il nome di battaglia Francesco, compiendo numerose azioni di sabotaggio, prelievi, disarmi di soldati nemici, attentati alla linea ferroviaria. Muratore e operaio alle Fonderie Corni, è tra le vittime dell’eccidio alle Fonderie riunite del 9 gennaio 1950 ed è ucciso un’ora dopo i primi caduti. Circondato da un gruppo di carabinieri perché indossa una sciarpa rossa e regge un cartello, è malmenato con i calci dei fucili e gettato in un fosso, per poi essere colpito a morte con un colpo a bruciapelo. Ha 35 anni.

A9 ROBERTO ROVATTI8
Luoghi e Avvenimenti
Avvenimento
Una città ferita