Sede della Paul-film

Viale Giovanni Amendola, 35

Dopo un primo periodo in una soffitta nel centro di Modena, alla metà degli anni Cinquanta, la Paul-film si trasferisce in uno stabile all’angolo tra viale Amendola e via Agnini. Presentato dalla stampa dell’epoca come “il solo che vi sia in Italia per il ciclo completo di produzione di disegni e pupazzi animati, comprendente anche un teatro di posa per le riprese cinematografiche di shorts pubblicitari”, lo studio ha come titolare unico, direttore generale e artistico Paul Campani, ma l’impostazione del tutto manuale del lavoro richiede una numerosa manodopera distribuita nei seguenti reparti: animazione, inchiostrazione, scenografia, ripresa, doppiaggio, montaggio, sviluppo e stampa. Visto il successo dei personaggi creati da Campani, un settore è adibito alla produzione di un pionieristico merchandising costituito da libri illustrati, diari, magliette, pupazzi, giochi di società, dischi, gadget, fumetti e bobine cinematografiche per proiezioni domestiche. All’interno del teatro di posa è ospitato il reparto di ripresa dal vero. Qui si realizzano i cosiddetti ‘codini’ dal vivo dei Caroselli animati o quelli interamente costruiti sulla recitazione degli attori. Tra le personalità più famose che passano da qui si segnalano Raffaele Pisu, Giorgio Gaber, Macario, Ernesto Calindri e Louis Armstrong nel 1968.
Col nome di Paul-film lo studio vive dal 1954 al 1970, per poi chiamarsi “Exagon” e “Paul Campani”, come il suo fondatore. Chiuso nel 1977 e poco dopo quasi completamente abbattuto (al suo posto è sorto un complesso di villette a schiera), nel 2022 sull’unico edificio rimasto è stato realizzato un murales con alcuni dei più noti personaggi creati da Campani, a celebrarne la memoria. L’opera si deve a Clod, illustratore e fumettista modenese, in collaborazione con il Collettivo Fx, all’interno di Paff, Pensieri a fumetti festival, curato da Enrico Valbonesi in collaborazione con Arci Modena e con il sostegno della Regione Emilia-Romagna.

Persone e Avvenimenti
Avvenimento
La piccola Hollywood della pubblicità televisiva