Casa delle donne

Via del Gambero, 77

La Casa delle donne di Modena di via del Gambero è inaugurata l’8 marzo 1980. Nel novembre 1978 sono raccolte le firme per ottenere dal Comune di Modena uno spazio che diventi una “casa comune delle donne”, un luogo che sia un punto di riferimento e incontro per molte donne della città.

Non avendo avuta risposta alla richiesta formale inviata il 13 gennaio 1979, in maggio alcuni gruppi femministi occupano i locali dell’ex-scuola di via del Gambero 77, una laterale di via Emilia est nella zona di Sant’Agnese. Nelle settimane successive sono promosse attività culturali, ricreative e di propaganda per coinvolgere il maggior numero possibile di donne: il 23 giugno 1979 la festa di mezza estate è occasione per sensibilizzare e fare crescere nella città il consenso intorno alla richiesta dei locali.

A seguito dello stallo della situazione, il 23 ottobre 1979 i collettivi decidono di occupare definitivamente questi spazi e alcune donne iniziano ad abitare l’edificio. Sono sistemati i locali, realizzato un orto biologico, organizzate cene settimanali curate a turno dalle donne aderenti, attività artigianali; successivamente sono promossi i servizi di biblioteca e centro studi e organizzate attività ricreative e di incontro.

Dopo lunghe trattative, il Comune finalmente decide di ristrutturare i locali, aprendo un asilo nido al piano terra e destinando i due piani superiori alla Casa delle donne. Per questo motivo la Casa delle donne si sposta temporaneamente in un’altra sede in via Cesana, per poi, nel maggio 1984, finalmente prendere possesso della sede ristrutturata di via del Gambero, nella quale sono riportate strutture (come la biblioteca) e attività già avviate ed è aperto un bar.

Negli anni successivi altre realtà femminili si trasferiscono o si costituiscono in questo luogo, poi dal marzo 2019 tutte le associazioni si trasferiscono nella nuova sede destinata alla Casa delle donne di Modena all’interno del parco di Villa Ombrosa, in Strada Vaciglio nord 6, mentre in via del Gambero 77 si trasferisce il Centro per le famiglie del Comune di Modena.