Acciaierie ferriere

via C. Goldoni, 6, via P. Ferrari
 

La Società anonima industrie metallurgiche e meccaniche modenesi – dal 1936 S.A. Acciaierie Ferriere e Fonderie di Modena – si costituisce per iniziativa di Adolfo Orsi, che rileva nel 1924 l’officina-fonderia A. Roatti e C., insediata tra via Carlo Goldoni e la ferrovia, per l’attività di fusione di rottami di ferro e la produzione di laminati, profilati e ghisa. Nel 1927 la produzione si avvale di un nuovo impianto di laminazione, un forno e il raccordo con la linea delle Ferrovie dello Stato. Un primo significativo ampliamento della fabbrica vede la costruzione di quattro capannoni, su progetto del direttore della società, l’ingegnere Alceste Giacomazzi. Nel 1931 viene installato un forno elettrico Martin Siemens, che amplia la produzione da lingotto.
Con la nuova denominazione S.A. Acciaierie e Ferriere di Modena, nel 1932 vengono abbattuti vecchi magazzini ed è realizzato un ampliamento, che, con diverse fasi, si protrarrà fino al 1939, con la costruzione di un unico capannone quadrato di 40 metri di lato, quattro campate coperte a due falde e tamponamento in mattoni a vista. Le case preesistenti su viale Menotti vengono abbattute.

Nella Seconda guerra mondiale la società subisce le conseguenze dell’economia di guerra e i rilevanti danni dei bombardamenti del 1944. Nel dopoguerra le Acciaierie, rapidamente ricostruite con l’impiego di strutture in acciaio, malgrado le dure condizioni di lavoro, non vivono le tensioni sociali presenti in altre aziende del gruppo Orsi. La forte domanda di acciaio rende necessari nuovi impianti di laminazione e forni elettrici più moderni, così il forno Martin Siemens venne sostituito con il forno elettrico Brow Boveri. 

Nel 1964 il gruppo Orsi lascia la proprietà delle Acciaierie, finanziariamente risanate dall’Istituto mobiliare italiano, che le gestisce fino al 1969, per poi passare sotto altre amministrazioni. Nel 2001 i corpi di fabbrica sono demoliti per lasciare spazio a un complesso costituito da due torri e una piazza pubblica, con funzione commerciale, residenziale e terziaria.

Persone e Avvenimenti
Bio
Adolfo Orsi