Alberto Braglia

Modena, 1883-1954

Sportivo

Nasce il 23 aprile 1883 da Fulvio e Clementina Ascari. Di modesta condizione, entra nel 1900 nella Società di ginnastica e scherma "Panaro" di Modena dedicandosi all'attrezzistica e alla ginnastica artistica. Nel 1903 arriva primo nel campionato di Carpi, e nelle gare di ginnastica artistica di Teramo; nel 1904 vince i concorsi internazionali di Firenze e di Mons (Belgio); nel 1905 arriva primo nel concorso di Vercelli. Tra il 1906 e il 1912, oltre a classificarsi primo in tutti i concorsi europei, vince i Giochi mondiali di Atene (1906), le Olimpiadi di Londra (1908) e di Stoccolma (1912).

Dopo la sua vittoria ad Atene, tornando a Modena riceve un corteo trionfale, per il quale viene riaperta una vecchia porta delle mura cittadine. Negli anni viene ricevuto da importanti personalità politiche, e alle corti reali inglese e italiana. Dopo aver partecipato, in fanteria, alla Prima guerra mondiale, realizza un numero di varietà acrobatico (Fortunello e Cirillino), che gli permette di visitare l’America e di accumulare un discreto patrimonio, perso però nella crisi degli anni Trenta. L'ultima presenza di Braglia nel campo sportivo è in qualità di commissario tecnico della squadra italiana di ginnastica alle Olimpiadi di Los Angeles (1932), che si classifica seconda, e prima tra le squadre europee.

Negli anni Braglia diventa bidello, gestore di un'osteria, e infine custode della palestra della sua società sportiva.

La città gli dedica una via e lo stadio.

Approfondimenti

1908 braglia olimpiadi2
Luoghi e Avvenimenti
Luogo
Stadio comunale
Avvenimento
La prima medaglia azzurra nella ginnastica